Blog

Gli aeroporti di Trapani e Palermo vengono accorpati

Sicilia's

“La Sicilia ha grandi potenzialità”. Una frase, questa, che abbiamo sentito dire tante volte. Questa volta la decliniamo in materia di viaggi. D’altronde non è certo comune trovare in una sola regione ben quattro aeroporti. Si tratta quasi di un record. Peccato che questi non funzionino come dovrebbero.

In Sicilia, infatti, ci sarebbe poco turismo internazionale. Il piano dei voli è basato per lo più su rotte nazionali e solo un volo su quattro arriva da altri Paesi Europei. È necessario internazionalizzare il turismo. Ne è fermamente convinta Simona Vicari, sottosegretario alle Infrastrutture e ai Trasporti. Ma come?

Entro due anni si creerà una sinergia tra l’aeroporto di Palermo e quello di Trapani. A Punta Raisi verranno avviate nuove rotte (Brest, Amsterdam, Monaco, Nizza e Malta). Si arriverà a 37 compagnie operanti, 62 rotte e 17 charter.

Il piano strategico punta a creare sinergie tra gli scali, Palermo dovrebbe realizzare l’accorpamento con lo scalo di Trapani previsto dal ‘Piano Nazionale degli Aeroporti’ recentemente approvato dal governo nazionale. Più avanti, entrambi gli aeroporti dovrebbero essere privatizzati per diventare più competitivi e contribuire allo sviluppo economico e turistico della Sicilia.